COS'E' IL MOTR, IL NUOVO ATTREZZO CHE STA RIVOLUZIONANDO IL PILATES?

INTERVISTA A SIMONE GALIBERTI, Master Instructor Trainer e docente Balanced Body

 “In dieci sedute sentirete la differenza, in venti vedrete la differenza, in trenta avrete un corpo completamente nuovo”.
Joseph Hubertus Pilates


Quando si parla di Pilates il primo pensiero di ogni insegnante è quello di immaginarsi una bella sala elegante interamente dedicata a macchinari come Reformer o Cadillac, molto belli ma anche impegnativi da gestire sia in termini di spazio che di tipologia di utenti.
Tuttavia il metodo Pilates può essere svolto con il sussidio di vari attrezzi (spesso anche piccoli) e applicando protocolli molto diversi tra di loro che hanno sempre come obiettivo finale quello di avere un corpo flessibile e libero da tensioni.

Oggi vorremmo presentarvi il MOTR, un attrezzo che ormai sta riscuotendo successo in tutto il mondo e che appunto permette di fare una lezione di Pilates, in modo divertente e originale.
E per farlo, abbiamo pensato di intervistare Simone Galiberti, Master Instructor Trainer e docente BALANCED BODY per i corsi di MOTR, Pilates Matwork, Pilates Reformer e Comprehensive. Simone si è appassionato al Pilates nel 2004 facendolo diventare nel tempo anche una professione. Dopo aver studiato con le più importanti scuole di formazione a livello internazionale, dal 2015 è nel TEAM ITALIA dei Master Trainer BALANCED BODY.

Veronica: Ciao Simone, cos’è il MOTR e perché l’hai scelto per i tuoi allenamenti?
Simone: MOTR è acronimo di  MORE THAN A ROLLER. Chiunque abbia fatto nella sua vita qualche lezione di Pilates ha certamente lavorato con il foam roller. 
Il MOTR è di più!
Contiene infatti al suo interno una barra che si innesta sulla testa del MOTR, sulla quale sono collocati 2 moduli a resistenza variabile. Attraverso 2 cavi e 2 loop collegati a quest'ultima parte, si lavorano braccia e gambe come su un Reformer. Non solo braccia e gambe ovviamente, ma un lavoro globale di integrazione di movimento di tutto il corpo. In altre parole il MOTR è l'anello di congiunzione tra il Pilates a terra e il Pilates sui macchinari, con la prerogativa di vivere di vita propria grazie a programmi di allenamento specifici che vanno ben oltre il Pilates, toccando la sfera del funzionale, dell'allenamento propriocettivo, dell'equilibrio e di agility. 
Il MOTR è un attrezzo completo utile sia a chi non è abituato a lavorare a livello fisico o a chi ha specifiche problematiche a livello fisico da dover gestire, ma anche a persone fortemente allenate che vogliono diversificare la loro tipologia di allenamento in modo estremamente efficace e divertente. 
Molti atleti professionisti o Club sportivi utilizzano il MOTR nel loro allenamento quotidiano. L'altro aspetto che rende il MOTR unico è la trasportabilità e lo stoccaggio. Può essere infatti facilmente trasportato anche a domicilio con una comoda tracolla o riposto senza che occupi spazi eccessivi. Il PT che lavora a domicilio, non troverà un altro attrezzo così versatile e funzionale. 

Veronica: Come si diventa Trainer certificato MOTR e quali requisiti deve avere un Trainer per iniziare il percorso formativo?
Simone: Il corso ufficiale BALANCED BODY per diventare istruttori certificati di MOTR ha la durata di 16 ore a seguito delle quali si ottiene un attestato di partecipazione. Per accedere al corso è necessario avere una conoscenza di anatomia. Successivamente si dovranno fare 20 ore di pratica personale e 20 ore di insegnamento prima di accedere all'esame finale.
Passato l'esame si diventa MOTR TRAINING SYSTEM INSTRUCTOR. 

Veronica: Se dovessi sintetizzare il MOTR in 6 caratteristiche che lo rendono un attrezzo unico nel suo genere?
Simone: Le riassumo di seguito:
1) la versatilità 
2) la trasportabilitá
3) il design
4) l'integrazione con il Pilates
5) l'accessibilità per tutti
6) il prezzo 

Veronica: Grazie Simone! Diamo appuntamento a tutti i Trainer a Venezia per il Pilates on Tour dal 4 al 9 dicembre.

Info e prenotazioni qui.

WeFit ci sarà e voi?

Veronica